Ustica: le Conseguenze

Per la prima volta, dopo quarant’anni, il presidente nella Corte di assise di Bologna, Michele Leoni, dà una motivazione politica seria alla strage di Bologna del 2 agosto 1980, spazzando via le grottesche ricostruzioni che attribuivano ad un gruppo di “spontaneisti” la responsabilità dell’eccidio, senza mai spiegare le ragioni della loro azione. Non si era … Continua a leggere Ustica: le Conseguenze

Quel che Non si Dice – II

Abbiamo visto nell’articolo precedente che i condannati per la strage di Bologna del 2 agosto 1980, Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini non erano stati in grado di fornire una risposta univoca sul luogo nel quale si trovavano la mattina del 2 agosto 1980. Valerio Fioravanti aveva dichiarato che erano a Treviso, Francesca Mambro … Continua a leggere Quel che Non si Dice – II

Quel che Non Si Dice – I

Nell’era della disinformazione di massa non è difficile portare qualcuno dalla stalle alle stelle, adottando in maniera sistematica il metodo dell’omissione, che consente di eliminare da un racconto tutto ciò che nuoce al conseguimento dell’obiettivo. Nel caso in questione il fine ultimo è quello di sostenere l’estraneità di Valerio Fioravanti, Francesca Mambro, Luigi Ciavardini alla … Continua a leggere Quel che Non Si Dice – I

L’Ingiustizia che Assolve

Non si è mai scritto in Italia un libro per denunciare quell’apparato giudiziario che si è sempre distinto, in campo prevalentemente politico ma non solo, per emettere sentenze che rappresentano la negazione della giustizia. La leggenda dell’esistenza in Italia di una magistratura indipendente dal potere politico si frantuma dinanzi all’elencazione di sentenze che provano l’esatto … Continua a leggere L’Ingiustizia che Assolve

L’Amico dell’Amico

Su L’Espresso, Paolo Biondani evita di commentare le motivazioni della sentenza di condanna all’ergastolo di Gilberto Cavallini depositate dalla Corte di assise di Bologna: preferisce dedicare la sua attenzione ai sospetti che continuano a pesare su Valerio Fioravanti e sullo stesso Cavallini di essere gli autori materiali dell’omicidio del presidente della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella, … Continua a leggere L’Amico dell’Amico

Motivazioni di un Eccidio

La strage di Bologna del 2 agosto 1980 fu “politica e di Stato”, scrivono nelle motivazioni della sentenza di condanna di Gilberto Cavallini i giudici della Corte di assise di Bologna. Un’affermazione, questa, che rappresenta un punto fermo nella storia giudiziaria dell’eccidio di Bologna e che viene rafforzata dalle giuste critiche rivolte alla Procura della … Continua a leggere Motivazioni di un Eccidio